Accostare la meditazione con il lavoro è apparentemente una bestemmia.

Per tutti la meditazione è qualcosa di statico, contemplativo, passivo. Certamente qualcosa di molto differente dall’azione lavorativa improntata al raggiungimento di obiettivi sfidanti che richiedono, invece, molta azione, movimento, velocità di esecuzione. Tutto ciò non corrisponde alla realtà.

La pratica della meditazione, nella sua versione occidentale di mindfulness (alleggerita da tutto ciò che ne richiama la tradizione religiosa buddhista) è invece uno straordinario strumento per migliorare sé stessi in molti aspetti, ma soprattutto nelle capacità attentive, concentrative e nella gestione delle emozioni e dello stress.

Scheda programma

Scheda iscrizione_